L’efficienza energetica degli edifici in un convegno a Lecce con la partecipazione di Confindustria

Si è tenuto a Lecce un convegno dedicato all’efficienza energetica degli edifici e agli obiettivi sulla strategia climatica prevista per il 2050. Giancarlo Negro, presidente di Confindustria Lecce, si chiede: “Il futuro è adesso, ma il nostro territorio è preparato a gestirlo?”

La direttiva europea EPBD (Energy Performance of Buildings Directive) fornisce una definizione degli edifici ad elevata efficienza energetica, i cosidetti Nearly Zero-Energy Buildings – NZEB, prevedendo che gli Stati membri provvedano affinché tutte le nuove costruzioni rispettino le caratteristiche previste dalla normativa entro il 1° gennaio 2021.

Per tali edifici non servono solo mattoni e cemento ma un processo integrato di filiera, che va dalla progettazione alla realizzazione, dalla promozione al collocamento sul mercato. Gli edifici NBEZ sono a basso o quasi nullo fabbisogno energetico, coperto da fonti rinnovabili, avveniristici da tutti i punti di vista, dotati di ogni comfort per migliorare la qualità della vita e assolutamente gestibili da remoto.

Di tali costruzioni e di sviluppo sostenibile si è parlato mercoledì 17 Aprile a Lecce nel corso del convegno “Future Now 2019. Nearly Zero Energy Building. Progettare, Costruire, Condividere” al quale è intervenuto il presidente di Confindustria Lecce Giancarlo Negro.

Giancarlo Negro Confindustria

“Il futuro è adesso, ma il nostro territorio è preparato a gestirlo?”. Da questo interrogativo è partito il presidente Negro per affermare che “l’obiettivo è nobile, il rispetto dell’ambiente, lo sviluppo sostenibile sono assolutamente da perseguire, non solo per rispettare le direttive, ma per dare valore all’ecosistema che ci ospita e che siamo chiamati a preservare. Tuttavia il quadro normativo appare assolutamente accelerato rispetto alle condizioni di partenza, soprattutto del nostro territorio. La cassetta degli attrezzi del costruttore va totalmente ripensata con nuove competenze e strumenti diversi (pc, telefoni, strumenti IoT), maggiormente orientati all’utente finale e con una ulteriore spinta verso il marketing e la comunicazione per spiegare la scelta degli edifici, più efficienti ma certamente più onerosi, NBEZ”.

L’interrogativo però permane. “Non è possibile – continua Negro – cambiare solo i materiali per realizzare nuovi edifici a impatto zero, ma occorre dare il via a progettualità diverse ed integrate: mutano il modo di lavorare e le professionalità perché sono necessarie nuove competenze; occorrerà rinnovare i processi formativi che passano dall’Università, dagli Istituti tecnici o professionali; sarà opportuno valutare le capacità che sono già sul campo”.

Il presidente di Confindustria Lecce interviene anche in merito alle difficoltà affrontate dal comparto delle costruzioni: “Le imprese fanno tanta fatica ad andare avanti e il timore è che, per abbracciare questo rinnovato modo di pensare il ‘costruito’, si perdano per strada tante professionalità ed esperienze acquisite. Appare importantissimo in tale ottica avviare un processo di riqualificazione non solo degli edifici esistenti e di quelli di nuova costruzione, ma anche della manodopera.” e conclude ” La formazione professionale rappresenterà la vera chiave di volta in un settore che ha ancora molto da dare e che, solo giocando d’anticipo, potrà superare la sfida di una innovazione di filiera per gli NBEZ. E la gara è già nell’oggi”.

Redazione

Salentopress.it si propone di offrire quotidianamente notizie e opinioni principalmente dal Salento. La redazione è composta da giornalisti, aspiranti tali e opinionisti, accomunati dal desiderio di contribuire al mondo dell’informazione in maniera libera, plurale, accessibile, gratuita. Salentopress.it, lego ergo sum.

Redazione ha 116 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *